top of page

mar 16 mar

|

Zoom

Udine: capoluogo da scoprire

L’Italia vista dalle D.I.V.E.

La registrazione è stata chiusa
Scopri gli altri eventi
Udine: capoluogo da scoprire
Udine: capoluogo da scoprire

Orario & Sede

16 mar 2021, 08:30

Zoom

Info sull'evento

Presenta: Franca Bartoli

A cura di Erminia Scarcella 

La diva Franca Baroli ha fatto una presentazione sulla sua città natale: Udine.

Udine è il capoluogo del Friuli e sede della provincia stessa.

Franca ci ha fatto una carrellata della storia di Udine, nata attorno a una collina centrale nella pianura friulana.

La leggenda narra che Attila, re degli Unni, ordinò ai suoi 500,000 soldati di portare terra con i loro scudi per formare un'altura dalla quale egli potesse vedere la luce del fuoco che bruciava Aquileia dopo il suo assedio. È così che i soldati, riempiendo i propri elmi di terra, costruirono il colle di Udine. Secondo la leggenda, Udine naqcue attorno all'anno mille e la sua importanza crebbe con il declino di Aquileia e di Cividale del Friuli.

La storia invece dice, in base a recenti scavi effettuati su un 'area alla base del colle, alle rilevazioni con il metodo del radiocarbonio sui materiali che compongono il colle, e su  alcuni reperti ceramici rinvenuti, che si possa datare l'origine di Udine all' età del bronzo. Inizialmente si pensava intorno al 1700 A.C. ma più recentemente si ritiene intorno al 1300 A.C. poiché i materiali che compongono il colle, non sono derivati da materiali liquidi scivolati a valle durante l'era glaciale e successivamente consolidati, bensì da sabbia e argilla come dimostrato dai recenti scavi.

Storicamente, in base alla prima testimonianza attendibile, la data convenzionale della nascita di Udine risale al 983, quando Ottone II di Sassonia cedette al vescovo tedesco Rodoaldo Patriarca di Aquileia, quel colle con l'area sottostante chiamato precedentemente Castrum Utinum, con il nome di UDENE. Nei secoli successivi, a Udene vennero costruite ben 5 cinte murarie protettive. Tra il 1223 ed il 1248 il Patriarca Bertoldo Andechs concedette prima il mercato libero e successivamente l'esenzione fiscale, escamotage che dette un nuovo importante impulso alla città. Udene cadde sotto il dominio della Serenissima nel 1420 per 300 anni finche', con il trattato di Campoformido, il 17 novembre 1797, fu ceduta a Napoleone. Infine, passò agli Asburgo prima di  entrare a far parte del Regno d'Italia nel 1866.

Udine è una deliziosa città, elegante con forti influenze veneziane. Vi si può ammirare un bellissimo castello (da cui la famosa canzone: "O ce Biel çiastiel a Udin") con un importante museo, la bellissima loggia del Lionello nella sua piazza più importante, Piazza della Libertà. Tra le varie piazzette spicca piazza San Giacomo, molto graziosa che ha ancora uno stile settecentesco ed è il salotto della città dove la gente si ritrova per fare quattro chiacchiere e prendere l'aperitivo.

Franca ci ha anche fatto vedere dei filmati delle chiese più interessanti con bellissimi affreschi di pittori importanti.

Condividi questo evento

bottom of page